Crea sito
Raccolta differenziata

Qual è la plastica riciclabile?

Qual è la plastica riciclabile?
I bicchieri usa e getta? La confezione della pasta? Le bottiglie dell’acqua? Gli imballaggi?
 
Come possiamo capire se un oggetto di plastica è riciclabile 
senza dover sempre contattare il centro di raccolta della nostra città?
 
Ecco un piccolo aiuto!
Prima di tutto andiamo a vedere l’opuscolo che ha distribuito il nostro comune.
 
In sua assenza, o nel caso non trattasse l’oggetto di nostro interesse,
 andiamo a vedere il SIMBOLO presente sull’oggetto in questione.

RICORDANDO CHE:
 la raccolta differenziata della plastica riguarda SOLO GLI IMBALLAGGI
quindi bottiglie, flaconi, sacchetti della spesa, buste, pellicole trasparenti, 
piatti e bicchieri monousogrucce di plastica, vaschette polistiroloecc… 

tutto ciò che NON è IMBALLAGGIO di plastica va gettato nell’indifferenziato
quindi giocattoli, secchielli, ciabatte, canotti, palloni, occhiali, biro, pennarelli, ecc…
^_^
Per capire meglio cos’è un IMBALLAGGIO clicca qui.
 
Ecco i simboli, o meglio i codici, di riciclaggio delle plastiche
secondo la direttiva europea 94/62/CE pubblicate su wikipedia.
^_^ 
Simbolo Codice Descrizione
Plastiche
Plastic-recyc-01.svg № 1
PET o PETE
Polietilene tereftalato: bottiglie di acqua, bottiglie di bibite, flaconi di shampoo
Plastic-recyc-02.svg № 2 HDPE Polietilene ad alta densità: flaconi
Plastic-recyc-03.svg № 3
PVC o V
Cloruro di polivinile: contenitori per alimenti
Plastic-recyc-04.svg № 4 LDPE Polietilene a bassa densità: sacchetti cibi surgelati, pellicola per alimenti
Plastic-recyc-05.svg № 5 PP Polipropilene o Moplen: bottiglie di ketchup, buste della pasta
Plastic-recyc-06.svg № 6 PS Polistirene o Polistirolo: piatti, bicchieri e posate monouso, vaschette e imballaggi di elettrodomestici.
Plastic-recyc-07.svg № 7 O Tutte le altre plastiche: cioè tutti gli altri polimeri a cui non è previsto un codice specifico ma comunque conferibili nella raccolta differenziata.

 Polimetilmetacrilato (PMMA) e Policarbonato (PC),

Acido polilattico (PLA) cioè una BIOPLASTICA
COMPOSTABILE che va gettata però nell’ UMIDO/ORGANICO


FONTE COREPLA

Guardate il video della pagina Facebook di Curioctopus.it e se avete dei dubbi
su un rifiuto da gettare non esitate a commentare o a contattarmi tramite mail.
^_^ 
^_^ 
 
Il vostro aiuto è utile a tutti noi per riciclare al meglio!

Pianeta delle Idee

Ho avuto la fortuna fin da piccola di vivere in un ambiente famigliare molto stimolante e creativo. Così nel corso degli anni la creatività e il mondo dell'arte hanno sempre fatto parte della mia vita, sia negli hobby che negli studi.

Nel mondo d'oggi e direi soprattutto in Italia la creatività, l'arte, la cultura ed anche la manualità purtroppo vengono apprezzate ma non valorizzate.

Negli anni mi sono resa conto della grande potenzialità che ha la creatività, non solo in ambito artistico, estetico e pratico ma anche per uno sviluppo intellettuale.

Per questo ho creato “Pianeta delle Idee” in modo da fornire uno stimolo creativo a chiunque ne abbia voglia ed avvicinare tutti noi al mondo del riciclo.

Commenti

Clicca qui per il tuo commento

*

  • Ciao Sy ^_^Sono contenta che apprezzi l'articolo.Sino al maggio del 2012 i piatti e i bicchieri di plastica andavano gettati nell'indifferenziato poi si è potuto differenziarli nella raccolta della plastica.Ora non so come mai nel tuo comune hanno iniziato solo quest'anno. Comunque meglio tardi che mai!Un bacione a te ^_^Mel

  • Ciao Mel, interessantissimo. Difatti la società che si occupava della raccolta differenziata lo scorso anno nelle mia città ci faceva buttare piatti e bicchieri di plastica nell'indifferenziata..invece quella di quest'anno nella plastica. Quindi era giusto buttarli nell'indifferenziata giusto? Fortuna che ne uso pochissimi! Un bacioneSy

  • Stefano… Te lo sentivi che avrebbe risposto quest'oggi!!!A te la risposta di COREPLA ^_^ Ciao Pianeta delle Idee, ti confermiamo che Corepla tratta solo gli imballaggi in plastica per legge e pertanto gli altri oggetti in plastica non vanno conferiti a Corepla. Questa regola tuttavia non viene correttamente applicata in alcuni comuni e succede che, come nel vostro caso, gli oggetti conferiti nella raccolta non siano quelli giusti. Questo accade perché chi fa transitare la propria raccolta da un impianto di prepulizia scarica sull'impianto l'onere di questa separazione.Ti invitiamo comunque a fare la cosa giusta e conferire solo imballaggi in plastica.Speriamo di aver risolto il tuo dubbio.Buona giornataTeam Facebook Corepla

  • Ciaomi piacerebbe sapere il parere di COREPLA in merito a questa questione: insisto con tutti i parenti e amici sul fatto che nella plastica vanno solo gli imballaggi, poi mi raccontano che quando vanno a portare oggetti in plastica (come bacinelle, secchi di vernice, biberon, etc…) alla stazione ecologica gli operatori glieli fanno buttare insieme agli imballaggi in plastica. Questo è successo più volte in stazioni ecologiche differenti ma gestite dalla stessa grossa multiutility. Considerato che i comuni serviti da questa multiutility sono tutti convenzionati con COREPLA e che di conseguenza deduco che in impianto vengano considerati frazione estranea, mi sento parecchio preso in giro. Senza poi considerare il fatto che le indicazioni per lo smaltimento di alcuni imballaggi sul loro sito e sulle loro guide sono spesso discordanti con quelle fornite dai consorzi di filiera! Ad esempio dicono di buttare nell'indifferenziato i tubetti del dentifricio e i poliaccoppiati a prevalenza plastica (imballaggi che comunque io metto nella plastica!)Grazie milleStefano

  • Ciao, ancora un altra domanda per COREPLA: il contenitore delle bolle di sapone con la relativa parte superiore va nella plastica, vero?Faccio anche una precisazione: le cialde sono quelle di tela compostabile, quelle di plastica si chiamano capsule.Grazie milleStefano

  • Ciao,COREPLA si è dimenticato di noi?Nel frattempo mi sono venute altre due domande per loro:1) lo stick del burro cacao è un imballaggio? Su Internet solite info discordanti…2) Le retine verdi attaccate ai vasi per vivaisti che servono per sorreggere le surfinie al momento dell'acquisto fanno parte dell'imballaggio?GrazieStefano

  • Mi scuso se rompo… MI è venuto un altro dubbio: le bustine poliaccoppiate dei campioncini dei cosmetici possono andare nella plastica?GrazieStefano

  • Ciao Stefano. Sì, come hai visto sto cercando di documentarmi prima di pubblicare il post. Cercherò di informarmi anche sui blister dei medicinali e le capsule del caffè in plastica. Sia su COREPLA che su altre fonti.A presto.Melciar

  • Intanto ringrazio per aver chiesto conferma a COREPLA riguardo la riciclabilità dei poliaccoppiati a prevalenza plastica. Mi chiedevo se rientrano in questa categoria anche i blister per medicinali accoppiati plastica-alluminio. Un'altra curiosità che mi è venuta è, pur non consumandole, se le capsule del caffè in plastica, una volta aperte e rimossa la polvere di caffè, possono essere considerate imballaggi e conferite nella plastica. Su Internet si trovano informazioni discordanti.. Le chiederei quindi di fare anche queste due domande tramite Facebook a COREPLA.Grazie milleStefano

  • Ciao Stefano e ben tornato :-)Interessante la tua ulteriore segnalazione. Andrò a vedere il link e mi informerò meglio per approfondire questa novità e condividerla.Per ora grazie di tutto e a presto.Melciar

  • Ciao Stefano… hai avuto una buona idea… mi documento meglio e cercherò di farne altri due post il prima possibile.Hai dato un ottimo contributo sia al blog ma, soprattutto, a tutti noi che cerchiamo di aiutare l'ambiente.Grazie e a presto con i nuovi post!Melciar

  • Ciao, sono Stefano, quello del commento sui vasi, piatti e bicchieri e grucce. Scusate, mi ero dimenticato di firmare…Secondo me, oltre a integrare questo post, se ne potrebbero fare altri due, uno su piatti, bicchieri e posate, e un altro sulle grucce.Nel primo bisognerebbe spiegare che piatti e bicchieri vanno nella plastica, purché non contengano evidenti residui di cibi, mentre le posate vanno nell'indifferenziata, poiché i produttori non pagano la tassa per il riciclaggio al Conai.Nel post sulle grucce bisognerebbe dire le grucce in plastica dal 1 gennaio 2014 vanno nella plastica anche se hanno il gancio in metallo, mentre quelle metalliche che danno al lavasecco vanno raccolte con gli imballaggi in metallo, raccolti spesso con vetro o plastica.Spero di aver dato un buon contributo.Stefano

  • Ciao… grazie per il tuo commento e, soprattutto, per il tuo contributo 🙂 Prendo atto delle tue precisazioni e presto provvederò ad integrarle nel post.Grazie ancora… le tue informazioni sono utili a tutti noi per riciclare al meglio… a me per prima.A prestoMelciar

  • Purtroppo i vasi di plastica non in tutti i comuni si possono conferire nella plastica, nonostante siano fatti in polipropilene (PP5)! Fonti:http://www.comune.casalecchio.bo.it/upload/casalecchiodireno_ecm6/gestionedocumentale/Rifiutologo_Tutti_Comuni.1305710061_784_13560.pdfe http://www.ecologicasrl.eu/ecologica/images/ambientedario/ambientedario.pdfÈ quindi importante verificare se nel proprio comune vadano nella plastica o nel secco indifferenziato.Preciserei anche che dal 1° maggio 2012 vanno conferiti nella plastica anche piatti e bicchieri usa e getta, solitamente fatti in polistirene (PS6), ma che rimangono escluse le posate, che vanno messe nel secco indifferenziato. Dal 1° gennaio 2014, vanno inserite nella raccolta della plastica anche le grucce in plastica, anche se hanno il gancio in metallo.Per il resto complimenti, perché questo post è fatto molto bene, poiché è spiegato in modo sintetico ma chiaro come leggere i codici di riciclaggio sulle confezioni di plastica!

Segui Pianeta delle Idee

In Collaborazione con il quotidiano

Social

Categorie

Tieniti aggiornato ^_^